domenica 30 settembre 2012

Il Muro di Sormano

Il Muro di Sormano - Ricordo del Giro di Lombardia 2012 / Memory of the Giro di Lombardia 2012
Come un pugno, i cui segni escono il giorno dopo. Il Muro traccia nella mente un segno indelebile fatto di urla, di gente e di ciclismo. Che è ciclismo antico; ciclismo della strada per la strada. Nessun trucco, nessuna finzione. Sul Muro esce il coraggio e la volontà. Nessuna tattica, sul Muro non ci si nasconde. Oltre gli alberi, oltre la foresta, oltre il vertiginoso tornantino, in una coltre nebbiosa che rende tutto un po' più epico, escono solo i migliori. E la folla impazzisce.

A punch which it's felt a day later. The Muro signs the soul with an undeletable pattern. Screams, people and cycling. Pure cycling on the road for the road. No tricks, no make ups. On the Muro can just emerging the braves. Over the forest, over the trees, over the narrow switchbacks, inside the fog. Just the best can float. And the tifosi become crazy.

1 commento:

Pedale.Forchetta ha detto...

E noi eravamo lì!