martedì 17 gennaio 2017

Il ruggito di Re Leone

Mario Cipollini - Ricordo della Tirreno Adriatico 2002
Non è la miglior foto che ho di Cipollini ma è un bel ricordo che desidero condividere. Torniamo al 2002, la mia prima volta alla Tirreno Adriatico. Grande attesa per vedere una corsa nuova. Buondì al cioccolato in auto e via verso l’Abruzzo, è una giornata splendida. La salita è quella di Rocca di Cambio, con vista su Gran Sasso; si scollina e poi si scende un paio di chilometri verso il paese. Io mi fermo a due dalla vetta. Ho dietro la bici, scendo a valle e risalgo in sella, e poi attendo la corsa. Di Luca è un emergente che attacca impavido, Bettini si è da poco svincolato dal ruolo di gregario di Bartoli e morde il freno, Freire è in maglia iridata. Passa Zabel in maglia giallorossa di leader, staccato ma sempre nella mischia, è tiratissimo verso la sua quinta Milano Sanremo (che poi non arrivò mai)! Passano i gruppetti, e passano i minuti. Ne passano davvero tanti prima di intravedere l’ultimo. In quel plotoncino osservi sempre un po’ di tutto. Da coloro che sono davvero sfiniti, a quelli che chiacchierano tranquillamente. Così mentre imbraccio la mia Pentax analogica (che nostalgia!) mi sento richiamare con una certa fermezza – “quanto è passato dai primi?” – è  il ruggito di Re Leone Mario. Sono da solo a bordo strada, la richiesta è per me. E viene da uno che sa come chiedere e come pretendere, si sente dal tono. Così vado in confusione, guardo l’orologio (ma non avevo mica preso il tempo), riprendo la Pentax perché realizzo che sta passando Cipollini con la nuovissima maglia zebrata, vado fuori fuoco e rispondo anche – “forse mezz’ora, non lo so” – e realizzo subito che sarebbe stato meglio fare solo una delle cose che ho provato a fare, magari mettere a fuoco la foto. Ma oggi non avrei avuto nulla da raccontare.

1 commento:

Pedale.Forchetta ha detto...

Conosco la sensazione!