mercoledì 3 luglio 2013

Il bivio di Villa Betti

Il bivio di Villa Betti - Ricordo dell'estate 2013
Un bivio altro non è che una scelta. Ne superiamo a migliaia senza neanche accorgercene. Migliaia di scelte ignorate, semplicemente perchè già sappiamo dove dirigerci e siamo sicuri che quella sia la strada giusta. Non ci poniamo neanche il problema. Il bivio di Villa Betti si trova a metà della salita per Monteciccardo; consente di tornare verso valle tagliando di sbieco la costa infilandosi in un vallone mentre per giungere in cima ci sarebbe ancora un bel pezzo di salita ed uno strappo arcigno. E' un invito troppo ghiotto, quando le gambe non rispondono o quando il caldo asciuga la gola, quella salita è una vera graticola. Scendere a Villa Betti è la salvezza, ma perderesti la vista di Monteciccardo. Salire è una catarsi, ma è anche sofferenza vera. Così quel bivio, perso da qualche parte nella regione più sconosciuta dell'Italia centrale è ormai una meta. Un luogo dove mi ritrovo. Uno dei pochi che è riuscito a farmi scordare le strade d'allora.

5 commenti:

Pedale.Forchetta ha detto...

A proposito di scelte, ma al mondiale di Firenze ci andiamo?

Alessandro Federico ha detto...

ti dico il vero, il mondiale non mi ha mai entusiasmato ma se vai tu non mi tiro indietro! hai fatto l'accredito?

Pedale.Forchetta ha detto...

Effettivamente la penso come te, ma è così vicino a casa... Per l'accredito sul sito Toscana2013 non c'è ancora niente. Forse è la volta buona che chiediamo a Richard due favori :)

Claudio Cobiani ha detto...

Mi piace molto questo post. La foto è emblematica e le parole fanno riflettere. Bravo.

Alessandro Federico ha detto...

Claudio, il tuo blog è per me un punto di riferimento. Le tue parole mi lusingano.