lunedì 15 maggio 2017

Giro 2017 - In cima per Dario


Gennaro e Bianca, i miei compagni di viaggio


Mentre Gennaro mi racconta la loro disavventura, ho ancora vivo il ricordo del mal di piedi patito due anni fa per scalare e poi scendere il Colle delle Finestre a piedi, ed in cuor mio ho già deciso. Li faccio salire a bordo e cominciamo a procedere per quella strada che la corsa non neppure toccherà, ma che è stata chiusa al traffico per chissà quale criterio organizzativo, dal momento che ci sono ben due versanti liberi per raggiungere almeno la funivia. Così superiamo Passo Lanciano, e ci inoltriamo verso la cima di una montagna che per me è un po’ misteriosa. A cominciare dal nome, il Blockhaus. La prima volta che ne sentii parlare credevo si trovasse sulle Alpi, forse in Tirolo, e rimasi molto stupito nel sapere che invece è in Abruzzo. Il nome deriva da diverse vicende legate ad un fortino posto sulla cima, sorvegliato da Austriaci prima e Tedeschi poi. Gennaro è appassionato i ciclismo, ex dilettante ed amico di Dario Cataldo, ed è al Giro con la fidanzata Bianca per fare il tifo per il suo amico Dario che tra l’altro è in classifica. Ci diamo del lei, ma in discesa a fine corsa, viriamo al tu. Sono quegli incontri speciali, che fai soltanto al Giro e che si sviluppano rapidamente, sino alla foto ricordo a Lettomanopello, poco prima dei saluti, con una luce serale stupenda che illumina il piccolo paese. Un invito per arrosticini sulle coste del Gran Sasso, un numero di telefono ed il sorriso aperto di questa coppia incontrata per caso. Il Giro continua.
Dario Cataldo, Giro d'Italia 2017

1 commento:

Ika Oka ha detto...

articolo bellissimo fa vivere il giro anche a chi non è presente