martedì 30 maggio 2017

Tom Doumulin

Giro 2017 - Tom Doumulin, finalmente un Olandese

L’Olanda è colpevole d’aver vinto il Giro soltanto alla centesima edizione. Lei, che è una Nazione di biciclette non era mai salita sul gradino più alto del podio. Era il 1988, avevo appena cominciato a seguire il ciclismo, c’era un ragazzo Olandese fortissimo e dalle grandi speranze, si chiamava Eric Breuking. Uno che a crono filava e che in montagna era in grado di stare al passo; arrivò secondo. Poi perse smalto e non mantenne più le promesse. All’inizio di questo Giro avrei scommesso che Tom Doumulin avrebbe fatto la stessa fine, dopo le belle cose fatte vedere l’anno scorso. Invece ha vinto un Giro completo, infarcito di tante salite, con montagne altissime, cronometro difficili e tappe miste. Pochi giorni semplici. Ha vinto contro avversari agguerriti e forti. Al Giro quest’anno c’erano i migliori. Adesso che ha vinto il Giro verrà considerato un grosso calibro anche altrove, a dimostrazione che la nostra amata corsa è rispettata anche fuori dai nostri confini e, pure a casa nostra, non appare così grave che abbia vinto uno straniero, segno della maturità che ha raggiunto questa competizione e chi la osserva. Non ci serve più il duello da campanile, ma esigiamo grossi nomi a contendersi la maglia rosa. Partoriti da ogni angolo del mondo, ma fenomeni; ora che l’Olanda ha espiato la sua colpa.
 

1 commento:

Ika Oka ha detto...

bell'articolo